Sicurezza informatica e i bambini

Oggi i bambini sono tra gli utenti più preparati e capaci nel maneggiare gli strumenti tecnologici. Tablet, computer, smartphone Smart TV e consolle da gioco diventano giocattoli nelle loro mani. Nessuno di questi ‘aggeggi’ elettronici ormai ha dei segreti per loro. I nostri bambini sono nati  in un mondo in cui la tecnologia sta vivendo la massima espansione e quindi non fanno nessuna fatica ad utilizzarla, anzi molto spesso i genitori si sentono sempre più impreparati nel capirla e di conseguenza proteggere i loro figli.

In questo articolo ti spiegherò due approcci entrambi validi per proteggere tuoi figlio da Internet e ti darò una serie di riferimenti da cui puoi trarre ulteriori informazioni utili.

Proteggere i bambini da contenuti indesiderati

  1. L’approccio più semplice, ma solo in apparenza è quello educativo, ovvero quello di responsabilizzare i ragazzi e condividere con loro esperienze di navigazione, fornendo loro a seconda dell’età gli strumenti conoscitivi adatti per una navigazione sicura.
  2. Adottare strumenti di controllo (c’è ne sono diversi sul mercato) che aiutano il genitore a controllare l’attività del bambino/ragazzo. Questi strumenti sono conosciuti come ‘filtri automatici dei contenuti‘ che da un lato registrano tutte le attività di navigazione e dall’altro impediscono di accedere a contenuti non appropriati.

Sta chiaramente a te genitore quale approccio scegliere anche se io consiglio entrambe, perché i nostri figli hanno delle coscienze e la facoltà di pensare per cui se come genitore sfrutti i due metodi otterrai un risultato certamente più sicuro perché parti dalla consapevolezza che non potrai spiare per sempre tuo figlio per cui credo sia importante che impari ad usare da solo le sue facoltà di ragionamento grazie al tuo aiuto e la tua guida.

In questo articolo comunque mi concentrerò sull’esaminare in modo particolare come mettere in sicurezza il tuo computer mediante i  filtri automatici. Se sei arrivato fino a qui credo che tu sei proprio interessato all’argomento, per te allora ho riservato un bonus una guida completa che puoi scaricare gratuitamente e seguire passo passo per capire i meccanismi che stanno alla base per salvaguardare tutta la tua famiglia.


Bullismo

3 Reole per insegnare ai bambini la sicurezza on line

Lascia la tua email e accedi subito alla guida GRATUITA.


In linea generale un primo passo da fare è creare sul tuo pc più “utenze”, una per ciascun componente della famiglia e ciascuna con privilegi appropriati. Questo metodo è possibile attuarlo sia su sistemi Windows che Mac (anche i sistemi per i dispotivi mobili come Android e iPad/iPhone nelle ultime versioni danno questa possibilità). Entrambi i sistemi operativi hanno una funzionalità chiamata “parent control” che consente, tra le altre cose, di stabilire un limite di tempo giornaliero per la navigazione, un limite di orario, di impostare un filtro rispetto ai siti visitabili e di controllare a posteriore i siti visitati.

Che soluzioni abbiamo invece per i più piccoli?

Una soluzione può essere quella di installare degli appositi browser per bambini, (sapevi che ci sono browser per piccoli?), i quali si basano non su liste di siti proibiti ma, al contrario, su liste di siti visitabili, le cosiddette (“white list”). Uno dei più noti è KidZui, ma attento perché è in inglese per cui se non hai una base della lingua potrebbe risultare un problema (forse più per te che per il tuo bambino) nel configurarlo e utilizzarlo. Nel caso puoi optare per una soluzione in italiano, il Veliero. Guarda di seguito il video che ti spiega che cos’è questo Browser.

Browser

Gli stessi Browser vengono in aiuto per una navigazione sicura. I browser moderni possono essere estesi nelle loro funzionalità grazie ai plug-in o add-on che si installano facilmente nel browser stesso.
Ad esempio Firefox ha due plug-in che possono essere utili in tema di sicurezza. Uno è R-Kiosk, che trasforma la visione del browser a tutto schermo senza possibilità di utilizzare menù e tasti funzione, e Pro-Con, che permette di stabilire quali siti possono essere visitati e quali no.

Youtube

Altro scenario che richiede la tua attenzione come genitore è sicuramente l’uso di Youtube. Youtube è accessibile da Browser oppure attraverso le applicazioni per dispositivi mobili. Su Youtube è possibile accedere a qualsiasi tipo di video, per questo è estremamente importante seguire il tuo bambino quando, spinto dalla curiosità, comincia a digitare parole per cercare la sua musica preferita o il suo cartone del cuore.

Anche da Youtube naturalmente è possibile impostare la “Modalità di protezione“, che impedisce l’accesso a video con determinate parole chiave. Il link per attivarla si trova proprio in fondo alla pagina. Ma gli stessi gestori del sito avvertono che non possono assicurare una precisione al 100 per cento, rispetto ai contenuti filtrati. Quindi ancora una volta genitore, fai attenzione. Quando parliamo di bambini piccoli devi ricordare una cosa molto importante, deve essere per te una regola: non lasciarli mai da soli con un dispositivo mobile, ricordati che la loro capacità di utilizzarli è sbalorditiva. Se invece parliamo di un ragazzo allora imposta i sistemi di protezione e ragiona con lui affinché possa capire da solo certi concetti.

Ultimo argomento ma non meno importante sono le chat. Per questo ambito l’unica soluzione è impedire al computer di accedere a determinati siti, con l’aiuto di un programma tipo BinarySwitch Eclipse, su Windows, valido sia per browser come Explorer e Firefox. Sul Mac lo stesso risultato si ottiene configurando le singole utenze.

Non sottovalutare mai la capacità di un bambino nel saper utilizzare i dispositivi mobili, il computer o altro ‘dispositivo elettronico’. E’ responsabilità di noi adulti proteggere i bambini e i ragazzi dai pericoli di internet.  Tieni presente una cosa caro genitore; originariamente Internet non è stata progettata per essere sicura. Anche se è uno strumento molto utile ha i suoi lati negativi per cui non sottovalutare mai la sua pericolosità.

Con Internet si ha sempre di più l’opportunità di imparare cose nuove e di ottenere facilmente un aiuto per lo studio, ma anche di esprimere la creatività e di interagire con amici e familiari. Questo è sicuramente un punto a favore.
Purtroppo, però, il mondo in cui viviamo è pieno di minacce ed è oggi più che mai indispensabile adottare alcune misure per meglio proteggere i bambini da internet. Per questo come genitore devi prendere una decisione e decidere in fretta quali provvedimenti prendere per salvaguardare tuo figlio dai vari pericoli che si nascondono in internet. Per essere in grado di fare questo devi documentarti, capire il mondo che ti circonda che è in continua evoluzione, arrivare a parlare la stessa lingua dei tuoi figli. Solo in questo modo sarai in grado di essere un valido aiuto.

Ad esempio:

INSEGNA AL BAMBINO A NON PARLARE CON GLI SCONOSCIUTI, NEANCHE ONLINE

Comunicare online e conoscere nuove persone, o meglio bambini, non è generalmente pericoloso per i tuoi figli ma ricordagli sempre di non parlare con gli estranei adulti, nemmeno in rete.
Le chat, che permettono di conversare con altri in tempo reale, i social network e altri servizi di messaggistica come WhatsApp sono ottimi strumenti per stringere nuove amicizie e rafforzare quelle esistenti, ma c’è sempre il problema del potenziale anonimato: un impostore o adescatore potrebbe celarsi dietro il profilo di un bambino e spingerlo verso un incontro reale.

Per ridurre al minimo questo rischio, insegna al bambino a:

  1. usare solo il nome o un nickname, mai nome e cognome al completo.
  2. non rivelare MAI numero di telefono o indirizzo di casa.
  3. non mandare MAI agli sconosciuti le sue fotografie.
  4. non accettare MAI di incontrare una persona conosciuta su Internet, senza il consenso esplicito dei genitori.

Ti segnalo di seguito una serie di riferimenti a documenti molto utili.

Anche sui dispositivi mobili come gli smartphone esistono diverse soluzioni. Ad esempio Samsung ha sviluppato un’applicazione studiata per proteggere l’intera famiglia in particolare i più piccoli. Vai a questo link per leggere i dettagli e come scaricare l’applicazione.

Con questo primo articolo spero di averti dato una panoramica sul tema della sicurezza su internet e alcuni spunti e strumenti per proteggere i tuoi figli, bambini o ragazzi. Nei prossimi articoli prenderò in esame alcuni aspetti qui citati approfondendoli uno per uno. Ad esempio ti spiegherò come puoi usare al meglio ‘i parent control’.

Se sei arrivato fino a qui credo che tu sia interessato all’argomento e per questo voglio darti la possibilità di fare un approfondimento con una guida che ho realizzata proprio in relazione a questo articolo e che ti regalo. Questa guida si concentra su come insegnare ai tuoi figli la sicurezza on line. Richiedila subito è gratis!

Regole base sicurezza on line

TRE REGOLE BASE PER LA SICUREZZA ON LINE DEI TUOI FIGLI

Per proteggere i tuoi figli dai pericoli di internet devi prima formarti tu come genitore, solo così potrai essere un valido aiuto per i tuoi figli.

  • Tenere segrete le password.
  • Utilizzare i social network in tutta sicurezza.
  • Uso corretto di blog o diari on line.

Lascia un tuo commento sull'argomento

Avvisami dei
avatar
500
wpDiscuz
TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO?
Unisciti alla mia community e ricevi regolarmente aggiornamenti gratuiti su questo argomento. E' disponibile subito un bonus e una guida gratuita per te!
Niente paura. I tuoi dati non saranno ceduti o condivisi con altri. La tua email sarà utilizzata esclusivamente da me per inviarti eventuali aggiornamenti.
Powered by Optin Forms